Le preoccupazioni aumentano per le prossime implementazioni LTE-U che danneggiano il Wi-Fi

LTE-U è una tecnologia sviluppata da Qualcomm che consente a un fornitore di servizi di trasmettere e ricevere segnali su uno spettro senza licenza, che è utilizzabile da chiunque, in particolare, in questo caso, lo spettro utilizzato dalle reti Wi-Fi sia nelle aziende che nelle case. Aprendo questo nuovo spettro, i principali operatori wireless statunitensi sperano di alleggerire il carico sulle frequenze autorizzate che controllano e aiutare i loro servizi a soddisfare la domanda.

Quella richiesta di connettività continua a crescere su una scala che rischiamo di esaurire gli aggettivi da descrivere: una recente stima Cisco ha suggerito che la domanda globale mensile potrebbe superare i 24 exabyte (ovvero 24 milioni di terabyte) entro il 2019, quasi 10- aumento di piega da oggi.

+ANCHE SUL MONDO DI RETE: Qualcomm exec su LTE-U: Non stiamo cercando di confondere i licenziamenti Wi-Fi + Sprint probabilmente come parte del piano di riduzione dei costi +

Poiché una percentuale crescente di tale domanda viene avvertita dalle reti wireless, la crisi è in atto per i vettori, che hanno speso ingenti somme per l'acquisto dei diritti su blocchi delle onde radio statunitensi. L'industria ha acquistato uno spettro di quasi $ 45 miliardi nell'asta più recente della FCC a febbraio, e ha lavorato duramente su modi per ottenere il massimo da ciò che hanno. Quindi LTE-U.

Il problema, ovviamente, è che le frequenze di LTE-U sono già utilizzate da ogni punto di accesso Wi-Fi in America, il che significa che corre il rischio di interferire con le reti su cui fanno affidamento gli utenti domestici e aziendali. Mentre Qualcomm ha giurato su e giù che LTE-U includerà funzionalità che eviteranno interferenze con le reti esistenti, ci sono poche prove indipendenti di tali affermazioni.

Non sorprende che diversi esperimenti esterni che hanno caratterizzato la tecnologia LTE standard o la tecnologia "LTE-U" simulata, nel caso di uno studio approfondito di Google, contro i trasmettitori Wi-Fi sulle stesse frequenze hanno scoperto che LTE ha ridotto drasticamente il throughput su Wi- Connessione Fi. Craig Mathias, membro IEEE ed esperto wireless, ha affermato che il modo in cui LTE gestisce le interferenze le fa dominare le frequenze condivise con il Wi-Fi.

"LTE-U ha un periodo di backoff più breve, quindi afferrerà l'aria più velocemente di quanto possa fare il Wi-Fi", ha detto Mathias. "Quindi puoi aspettarti, nelle distribuzioni ad alta densità, che LTE-U avrà un effetto piuttosto deleteria sulle prestazioni Wi-Fi."

Di conseguenza, i gruppi di difesa dei consumatori, così come l'industria della banda larga cablata e altri grandi attori che si affidano al Wi-Fi, hanno lanciato l'allarme su LTE-U. Michael Calabrese, che dirige il Wireless Future Project dell'Open Technology Institute, ha detto Network World che la radice del problema è che Qualcomm e i suoi partner (in particolare Ericsson) agiscono unilateralmente, ignorando gli organismi di standard consolidati presso IEEE e 3GPP.

ANCHE: 9 suggerimenti per velocizzare il Wi-Fi aziendale

Operando al di fuori delle solite strutture, è difficile per il resto del settore e il pubblico in generale ottenere qualsiasi tipo di garanzia certa che la tecnologia LTE-U giocherà bene con gli altri, ha detto.

"In genere, esiste un processo standard - e queste bande autorizzate e senza licenza sono gestite da enti completamente diversi, e LTE-U ha saltato entrambi. Non è in 3GPP né in IEEE. È solo una tecnologia proprietaria che Qualcomm ed Ericsson stanno lanciando all'improvviso ", ha detto Calabrese.

Questo non vuol dire che il settore wireless degli Stati Uniti sia al passo con questa tecnologia, ha aggiunto - Verizon e T-Mobile fanno affidamento su Ericsson come fornitore principale di infrastrutture, mentre Sprint e AT&T no. (Tuttavia, AT&T ha aderito alla Pro-LTE Evolve Coalition e ha iniziato i propri test sulla tecnologia.)

Al contrario, l'opposizione di LTE-U è rimasta generalmente unita. Philip Berenbroick, un consulente per gli affari del governo presso il gruppo di difesa Public Knowledge, ha affermato che la tecnologia potrebbe non oltrepassare i confini legali, ma potrebbe facilmente infrangere le regole non scritte.

"C'è un galateo generale nello spazio senza licenza che non interrompe i servizi con licenza o altri servizi senza licenza", ha detto. "Vorremmo vedere LTE-U rispettare l'etichetta che è pervasiva in quella band."

Un protocollo chiamato "Listen-Before-Talk" potrebbe essere la chiave per risolvere il problema, ha affermato Berenbroick. LBT, che rende i trasmettitori sicuri che i loro canali siano chiari prima di inviare i loro dati, viene chiamato "protocollo di cortesia" nel settore wireless. Fornisce un modo uniforme per garantire il miglior accesso condiviso possibile a un determinato spettro ed è legalmente obbligatorio nell'Unione Europea e in Giappone, sebbene non negli Stati Uniti, in Cina o in Corea del Sud. Un'alternativa a LTE-U, chiamata LAA, o accesso assistito da licenza, incorpora LBT come protezione contro le interferenze. (LAA è attualmente all'esame di 3GPP, uno dei gruppi di standard che i sostenitori di LTE-U hanno aggirato.)

"Poiché non verificano la presenza di altri utenti che utilizzano prima la larghezza di banda, [trasmettitori LTE-U] possono avere l'effetto di rallentare o degradare il traffico senza licenza presente sul mercato", ha detto Berenbroick Network World. "Vorremmo vedere LTE-U osservare Listen-Before-Talk."

LTE-U, invece, utilizza un protocollo di coesistenza chiamato "duty cycle", che crea semplicemente periodi di accensione e spegnimento preimpostati per un trasmettitore LTE, le cui lunghezze sono controllate interamente dal vettore. Non è abbastanza buono, secondo Jennifer Andreoli-Fang, architetto principale di CableLabs, un gruppo di ricerca sostenuto dall'industria dei cavi.

ALTRO SUL MONDO DI RETE: come utilizzare gli hotspot Wi-Fi pubblici in modo sicuro

"Non è necessario condividere abbastanza in tempo, per evitare di interrompere le trasmissioni Wi-Fi a metà flusso o per adattarsi a diversi livelli di utilizzo e traffico Wi-Fi", ha scritto in un post sul blog di settembre.

È improbabile che le preoccupazioni per LTE-U scompaiano presto; i rapporti indicano che Verizon e T-Mobile potrebbero iniziare a utilizzare la tecnologia già dal prossimo anno, e sebbene il presidente della FCC Tom Wheeler sia stato riluttante a farsi coinvolgere dal problema, ha affermato che l'industria wireless rischia ulteriori normative se i diritti degli esistenti senza licenza gli utenti non sono sufficientemente protetti.

Nessuna delle parti coinvolte è probabile che accolga favorevolmente la supervisione del governo, quindi è probabile che la preferenza sia una soluzione guidata dall'industria. In effetti, alla fine degli anni '80, quando si stavano sviluppando le attuali normative sulle bande senza licenza, nessuno pensava che le frequenze sarebbero mai state usate per scopi commerciali, secondo Mathias.

"In questo momento, è una storia di ammonimento", ha detto. "L'ipotesi che molti di noi avevano fatto era che la comunità LTE avrebbe fatto affidamento sul trasferimento al Wi-Fi, piuttosto che operare LTE nelle bande senza licenza."

Tuttavia, è un problema potenzialmente serio: il ruolo sempre più centrale della tecnologia wireless per ogni aspetto della vita nel mondo sviluppato significa che discussioni superficialmente asciutte e tecniche sull'interferenza possono ottenere conseguenze nella vita reale in una grande fretta.

"Quando inizi a guardare la natura mission-critical del Wi-Fi - tutte queste applicazioni di Internet of Things che stanno arrivando, molte delle quali avranno elementi medici e di sicurezza, oltre a semplici voci / dati / video - tu ' ho un problema ", ha avvertito Mathias. "Quindi questo è chiaramente qualcosa che dovranno affrontare molte entità all'interno delle economie industrializzate".

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.