Xiaomi sorpassa Samsung in Cina come il più grande rivenditore di smartphone

In un altro segno di preoccupazione per Samsung Electronics, il colosso della tecnologia coreana ha perso la sua posizione di miglior venditore di smartphone in Cina, dopo aver mantenuto la posizione per due anni consecutivi, secondo la società di ricerca Canalys.

Nel secondo trimestre di quest'anno, la società cinese Xiaomi ha superato Samsung per diventare il più grande produttore di smartphone del Paese con una quota di mercato del 14%. Samsung si è aggrappato al secondo posto, con una quota del 12 percento, leggermente più avanti del terzo posto Lenovo, vendendolo in outsourcing di 200.000 unità.

Il colosso dell'elettronica coreana era stato il principale produttore cinese di smartphone dal primo trimestre del 2012, ha dichiarato Wang Jingwen, analista di Canalys. All'epoca, la quota di mercato dell'azienda era del 22 percento.

In Cina, Samsung vende una vasta gamma di telefoni, di fascia alta e bassa, e beneficia di un marchio forte e di una vasta rete di rivenditori. Ma i suoi rivali cinesi stanno facendo sempre più pressione sulla società, specialmente quando si tratta di vendere telefoni di fascia bassa, ha detto Wang.

"Nel segmento medio-basso, i dispositivi Samsung non hanno rappresentato un ottimo rapporto qualità-prezzo in Cina", ha affermato. Wang, il più grande operatore di telefonia mobile del paese, China Mobile, sta inoltre collaborando maggiormente con i produttori di telefoni domestici per lanciare telefoni creati per la nuova rete 4G,.

Xiaomi, d'altra parte, è cresciuto rapidamente, in gran parte vendendo smartphone ricchi di funzionalità a un prezzo appena superiore al costo. Questo segna la prima volta che la società cinese ha preso il primo posto in Cina, dopo aver iniziato a vendere telefoni solo tre anni fa.

La serie di telefoni di fascia bassa Xiaomi, nota come Redmi, sta guidando le spedizioni dell'azienda in Cina, che ha raggiunto quasi 15 milioni nel secondo trimestre, secondo Canalys. I telefoni Redmi possono iniziare a partire da 699 yuan (US $ 113) se acquistati senza sussidi agli operatori.

Il prezzo aggressivo di Xiaomi sta guidando il successo dell'azienda, ha detto Wang. La società ha già venduto 26,1 milioni di telefoni nel primo semestre di quest'anno, con l'obiettivo di venderne un totale di 60 milioni entro la fine di quest'anno. Sebbene non sia un grande nome al di fuori della Cina, Xiaomi si sta espandendo in dieci mercati esteri quest'anno.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.