Xiaomi affronta il divieto di telefono in India per causa di brevetto Ericsson

Il produttore di smartphone Xiaomi affronta una battuta d'arresto chiave in India dopo che alcuni dei dispositivi dell'azienda sono stati temporaneamente banditi da un tribunale in una disputa di brevetto con Ericsson.

La società cinese potrebbe, tuttavia, tentare di diffondere rapidamente la crisi negoziando una licenza per gli otto brevetti mobili standard essenziali nella causa con Ericsson.

"L'India è un mercato molto importante per Xiaomi e risponderemo prontamente in base alle esigenze e nel pieno rispetto della legge indiana", ha affermato Xiaomi in una nota. "Inoltre, siamo aperti a collaborare con Ericsson per risolvere la questione in modo amichevole."

La compagnia ha dichiarato di non aver ancora ricevuto un avviso ufficiale dall'Alta corte di Delhi, che ha approvato l'ordine.

Il tribunale ha ordinato la sospensione della vendita dei prodotti Xiaomi in India fino alla prossima udienza del caso. I modelli specifici non sono stati nominati nell'ordine, che invece si riferiva a prodotti che "includono la tecnologia / dispositivi / apparati AMR, 3G ed EDGE come brevettati" da Ericsson nei brevetti della tuta, secondo una copia dell'ordine ottenuto dall'IDG Servizio notizie.

Ericsson ha chiesto a Xiaomi di ottenere una licenza per i brevetti prima del suo ingresso nel mercato degli smartphone in India, ma Xiaomi è andata avanti e ha lanciato i suoi prodotti nel paese nel luglio di quest'anno, e successivamente ha ampliato le operazioni istituendo una filiale indiana, secondo quanto sostenuto da Ericsson alla corte. Ha inoltre legato con il rivenditore online Flipkart la vendita esclusiva dei suoi prodotti sul mercato.

Xiaomi continua a rifiutare di rispondere in qualsiasi modo per quanto riguarda una licenza equa alla proprietà intellettuale di Ericsson a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie (FRAND), ha dichiarato Ericsson in una nota.

La società svedese ha dichiarato di aver intrapreso un'azione legale come ultima risorsa. "Non vediamo l'ora di lavorare con Xiaomi per giungere a una conclusione reciprocamente giusta e ragionevole, proprio come facciamo con tutti i nostri licenziatari", ha aggiunto. Ericsson ha già citato in giudizio altre due società indiane, secondo i rapporti.

Samsung ha guidato il mercato degli smartphone in India nel terzo trimestre con una quota di mercato del 24 percento, seguita dal giocatore indiano Micromax, secondo IDC.

Xiaomi, tuttavia, ha fatto progressi nel mercato indiano, con i suoi prodotti venduti su Flipkart a volte in pochi secondi. Una portavoce di Flipkart ha detto giovedì che non ha ancora ricevuto una comunicazione ufficiale della decisione del tribunale e continuerà a rispettare le leggi del paese e coopererà con le autorità ove richiesto.

I telefoni Android di Xiaomi come Redmi 1S erano in vendita giovedì su Flipkart, con una vendita per la nota Redmi prevista per il 16 dicembre.

(Michael Kan a Pechino ha contribuito a questo rapporto.)

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.