Con un servizio cloud Wi-Fi, Ruckus mira ad aiutare i proprietari di hotspot a fare soldi

L'ultimo arrivato nei piani Wi-Fi basati su cloud per applicare la tecnica agli hotspot Wi-Fi pubblici, aiutando le aziende e i fornitori di servizi a gestire e monetizzare meglio le loro reti.

Ruckus Wireless, meglio noto per creare punti di accesso per fornitori di servizi e locali pubblici, ospiterà il software di gestione degli hotspot nel cloud con il suo SAMS (Smart Wi-Fi Access Management Service), che verrà lanciato questa settimana. Ruckus inizierà con l'hosting del proprio cloud SAMS e quindi venderà la tecnologia ai fornitori di servizi per le loro offerte personalizzate.

Secondo IDC, la crescente aspettativa dei consumatori di un accesso Wi-Fi affidabile, insieme ai rigorosi budget IT delle aziende, sta aumentando la domanda di LAN wireless gestite dal cloud. Il mercato globale di queste offerte è più che raddoppiato nel 2013, a $ 334 milioni di entrate, e crescerà di oltre il 50 percento quest'anno, secondo IDC.

L'inserimento di smart Wi-Fi nel cloud può eliminare la necessità di controller hardware e server di autenticazione locali e consentire ai proprietari della rete di concentrare le attività di gestione nei siti in cui hanno il personale per eseguirli. Aerohive Networks, la divisione Meraki di Cisco e persino Hewlett-Packard hanno intrapreso questa strada.

Ruckus punta questo concetto su hotspot, fornendo una dashboard che i clienti possono utilizzare per ottimizzare le impostazioni di rete per più siti e monetizzare le proprie reti. SAMS è progettato per centri commerciali, stadi e aeroporti, nonché per locali più piccoli come le caffetterie.

Il servizio potrebbe essere interessante per le piccole imprese che desiderano reti Wi-Fi basate su cloud ma che hanno poca o nessuna competenza IT, ha detto l'analista di Ovum Daryl Schoolar.

Tuttavia, non esiste una chiara tendenza di tutta la gestione del Wi-Fi verso il cloud e ci sono ancora diverse architetture disponibili, ha detto.

"Alcune persone vogliono controllare tutto, alcune persone vogliono esternalizzare", ha detto Schoolar. "Penso che la vera tendenza sia solo la flessibilità."

SAMS includerà una varietà di strumenti basati sul Web per definire l'esperienza di un visitatore in un hotspot e per raccogliere informazioni su utenti e modelli di utilizzo, secondo Ruckus. Gli operatori possono organizzare accessi a pagamento o non pagati alle proprie reti e far apparire annunci o promozioni sul sito sugli schermi degli utenti, ha affermato David Stiff, direttore della gestione dei prodotti di Ruckus.

Le imprese saranno in grado di creare una sequenza temporale precisa per ciò che un visitatore vedrà mentre utilizzano l'hotspot. Per fare ciò, possono semplicemente caricare e disporre elementi come splash page, schermate di accesso, schermate di pagamento e annunci, ha affermato Stiff. Ai visitatori potrebbe essere chiesto di fornire un indirizzo e-mail, accedere con un ID Facebook o Twitter, fornire informazioni come la loro età e sesso o non fare nulla. L'impresa sarà in grado di impostare per quanto tempo gli utenti possono rimanere in rete, la massima velocità che possono ottenere e altri aspetti del loro utilizzo.

SAMS costerà $ 265,50 per punto di accesso, all'anno, per periodi di uno, tre o cinque anni. Per i clienti che scelgono di utilizzare la gestione locale tramite un controller Ruckus ZoneDirector in loco, il servizio avrà un costo di $ 180 per punto di accesso, all'anno. Inizialmente, Ruckus gestirà SAMS e i suoi partner di canale lo venderanno. Per avviare il servizio, possono semplicemente impostare i parametri per le loro reti, acquistare l'hardware se non lo possiedono già e disporre dell'hardware installato.

 

Ruckus Wireless

La dashboard di gestione di SAMS (Smart Wi-Fi Access Management Service) di Ruckus Wireless consente agli operatori di hotspot Wi-Fi di visualizzare l'attività della rete e le informazioni sugli utenti della rete.

Nei prossimi mesi, Ruckus intende offrire una versione virtualizzata di SAMS che i vettori tradizionali e altri fornitori di servizi possono utilizzare come base della propria offerta basata su cloud, ha affermato David Callisch, vicepresidente del marketing di Ruckus. Tra i potenziali clienti vi sono rivenditori di apparecchiature Wi-Fi che desiderano aggiungere un'azienda di servizi gestiti.

Stephen Lawson copre le tecnologie mobili, di archiviazione e di rete per Il servizio notizie IDG. Segui Stephen su Twitter all'indirizzo @sdlawsonmedia. L'indirizzo e-mail di Stephen è [email protected]

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.