ZingBox Startup porta Cisco, Stanford nel pedigree della sicurezza IoT

ZingBox, una startup di sicurezza di Internet of Things i cui fondatori hanno legami con Cisco e Stanford University, sta lavorando a un software che protegge i dispositivi IoT dalle minacce su Internet.

May Wang

L'obiettivo dell'azienda di un anno è l'aggiornamento di router e gateway con intelligenza per rilevare quando i dispositivi IoT si comportano in modo anomalo, indicando che potrebbero essere compromessi, afferma May Wang, CTO dell'azienda e un co-fondatore che ha trascorso 14 anni presso Cisco nella sua ufficio del CTO in cui era architetto principale.

Il problema della sicurezza IoT deve tenere conto di tre caratteristiche, afferma:

  • Esiste un numero enorme di dispositivi IoT e una grande varietà di tipi di dispositivi IoT con hardware e software diversi. L'ottanta per cento di loro ha problemi di sicurezza.
  • Molti di questi dispositivi ricoprono ruoli mission-critical ma hanno calcoli, memoria, larghezza di banda e potenza limitati, quindi non sono in grado di proteggersi.
  • Questi dispositivi sono collegati online, mettendoli ad alto rischio di compromesso mentre cercano di affrontare missioni critiche.

La risposta di ZingBox ha una prospettiva di rete sulla sicurezza come servizio. È un agente posizionato su router e gateway che raccoglie i dati di rete sul traffico da e verso questi dispositivi. I dati vengono analizzati dal motore di analisi di ZingBox, che valuta le minacce, formula risposte e spinge le regole di sicurezza per i router e i gateway per far rispettare.

I dispositivi IoT funzionano praticamente in modo autonomo con un intervento umano molto limitato, afferma, e la maggior parte parla da macchina a macchina mentre svolgono una o due attività specifiche, quindi il traffico di rete che generano è molto prevedibile.

ZingBox ha creato un database di proprietà e comportamenti del dispositivo IoT che utilizza per eseguire il rilevamento di anomalie sul traffico IoT attivo. L'algoritmo utilizzato per fare ciò sta cercando di trovare lo 0,1% del traffico anomalo.

Wang afferma di utilizzare un sottocampionamento intelligente del traffico anziché esaminare ogni singolo pacchetto al fine di semplificare l'analisi e allo stesso tempo mantenere basso il tasso di falsi positivi. Ciò consente alla scala ZingBox di gestire le enormi quantità di dati che possono generare enormi distribuzioni di dispositivi IoT, afferma.

Con il boom dell'IoT del consumatore, ZingBox sta progettando il suo software per fornire protezione automatica alle famiglie non tecniche che lo utilizzano. "Non è necessaria alcuna competenza IT", afferma.

L'obiettivo è distribuire il software nei dispositivi esistenti aggiornando il software nei router e nei gateway per proteggere i dati generati dai dispositivi IoT ad essi collegati.

INSIDER: 5 modi per prepararsi alle minacce alla sicurezza di Internet of Things

Fondata nel 2014 e sostenuta da $ 2,3 milioni in investimenti angelici, la società ha appena iniziato a cercare investitori investitori istituzionali. La società ha già avuto un'offerta di acquisto che ha rifiutato perché i fondatori pensano di avere qualcosa di grosso che vogliono continuare a sviluppare da soli, dice Wang. La società ha circa una dozzina di dipendenti.

Mentre era in Cisco, Wang ha lavorato su un algoritmo di sicurezza utilizzato negli switch Cisco. L'amministratore delegato dell'azienda Xu Zou ha lavorato presso Cisco, ma anche in Airespace, Asalea Networks, Aruba Networks e Aerohive Networks come ingegnere informatico e dirigente. Come Wang, ha conseguito una laurea presso la Stanford University. Il terzo co-fondatore, Jianlin Zeng, è vicepresidente dell'ingegneria il cui nome è presente in numerosi brevetti wireless di Aerohive Networks dal lontano 2008 e fino al 2014.

ZingBox ha nel consiglio di amministrazione Robert Thomas, CEO di NetScreen, Ken Xie, fondatore di Fortinet, ed Eric Chen, amministratore delegato della società di venture capital Silver Lake Partners.

L'azienda farà affidamento su partner tecnici e integratori per aiutare a trovare i clienti poiché le aziende sono riluttanti a provare prodotti dalle startup senza che alcuni terzi garantiscano la loro credibilità, afferma Wang.

La società afferma che sta sperimentando i prezzi, ma lo baserà per dispositivo gestito da un gateway o per la larghezza di banda della connessione che sovrintende.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.