Yahoo chiede agli Stati Uniti chiarezza sulla controversia sulla scansione delle e-mail

Yahoo sta chiedendo al governo degli Stati Uniti di impostare il record direttamente sulle richieste di dati degli utenti, a seguito di rapporti secondo cui la società Internet ha scansionato segretamente le e-mail dei clienti alla ricerca di informazioni relative al terrorismo.  

Mercoledì scorso Yahoo ha inviato una lettera al direttore dell'intelligence nazionale James Clapper, affermando che la società non è stata in grado di "rispondere" agli articoli di notizie all'inizio di questo mese in cui si descrivono i dettagli della presunta scansione di posta elettronica incaricata dal governo.

"Il tuo ufficio, tuttavia, è ben posizionato per chiarire questa questione di interesse pubblico", afferma la lettera.

La scansione avrebbe implicato la ricerca attraverso gli account e-mail di ogni utente Yahoo e potrebbe essere andata oltre le richieste di informazioni da parte del governo degli Stati Uniti, secondo un rapporto di Reuters.  

Tuttavia, Yahoo ha definito il rapporto Reuters fuorviante. "La scansione della posta descritta nell'articolo non esiste sui nostri sistemi", ha affermato la società.  

Un rapporto separato del New York Times ha suggerito che la scansione della posta elettronica è stata effettuata per conto del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e intendeva sondare i segni di codice appartenenti a un gruppo terroristico straniero.

Le recenti notizie sulla scansione delle e-mail hanno "provocato ampie speculazioni" sulle attività del governo di Yahoo e degli Stati Uniti, ha dichiarato la società Internet nella sua lettera. Sebbene Yahoo rispetti la necessità di riservatezza, la società sta chiedendo maggiore trasparenza su come il governo degli Stati Uniti procede legalmente per ottenere le comunicazioni private degli utenti.

"La trasparenza sostiene la capacità di qualsiasi azienda nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione di guadagnare e preservare la fiducia dei propri clienti", afferma la lettera.

Yahoo ha accettato di essere venduta a Verizon nell'ambito di un accordo da 4,8 miliardi di dollari. Ma il valore della compagnia Internet potrebbe essere diminuito in seguito alla notizia della scansione segreta della posta elettronica e di una massiccia violazione dei dati pubblicizzata a settembre.

L'ufficio del direttore dell'intelligence nazionale non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.