Il tuo Royal PiNess Raspberry Pi vince grandi onori

Il Raspberry Pi ha vinto elogi quasi universali dalla sua introduzione nel 2012. Il computer a scheda singola è piccolo, economico e abbastanza flessibile da poter essere utilizzato in una vasta gamma di applicazioni, ben oltre la programmazione di base e il lavoro di hobbista per il quale era inizialmente progettato.

La cerchia degli ammiratori del Pi apparentemente include anche la monarchia britannica, poiché il team ha visitato Buckingham Palace nella stessa settimana in cui il sostenitore e amministratore fiduciario David Braben è stato ufficialmente onorato per i suoi "servizi all'industria britannica di computer e videogiochi".

La Fondazione Raspberry Pi

Alla regina Elisabetta II viene mostrato il Raspberry Pi.

Secondo il blog ufficiale della Raspberry Pi Foundation, il gruppo è stato invitato come parte della UK Tech Reception la scorsa settimana e ha incontrato la Regina e il Principe William durante l'evento. Il principe Andrew, il duca di York, è stato un sostenitore del progetto Raspberry Pi da quando ha visitato gli uffici della fondazione nell'ottobre 2013, ed è stato presente anche la scorsa settimana.

Inoltre, uno dei maggiori sostenitori del progetto, David Braben, è stato nominato ufficiale dell'Impero britannico, o OBE, nell'ultima lista dei compleanni della regina, che premia vari servizi nel Regno Unito con diversi tipi di titolo onorario.

+ANCHE SUL MONDO DI RETE: Rumorino sull'iPhone 6 per la settimana terminata il 13 giugno | 10 motivi per cui l'open source sta mangiando il mondo +

Braben, che è stato co-sviluppatore del rivoluzionario simulatore spaziale Elite nei primi anni '80 ed è rimasto una delle figure più rispettate nei videogiochi da allora, è co-fondatore della Raspberry Pi Foundation ed è stato un fattore chiave nello sviluppo iniziale del progetto. Non è nemmeno l'unico tecnico inglese ad essere così onorato: il designer Apple Jonathan Ive è stato nominato cavaliere nel 2012, così come lo è stato Tim Berners-Lee nel 2004.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.