Xojo Una suite di sviluppo Linux che non supporta realmente Linux

Se una società supporterà Linux ... deve davvero impazzire supportare Linux.

In una delle mie vite passate, ero uno sviluppatore di software. E anche se non faccio più codice per vivere, trovo ancora che armeggiare con varie lingue, IDE e framework sia più divertente di quanto probabilmente dovrei. A dire il vero, ritengo che giocare con un nuovo ambiente di sviluppo sia un po 'uno spasso. (Sì. Ho appena scritto "un po 'di spasso". Ecco quanto sono fiducioso nella mia mascolinità.)

Non sono nemmeno il tipo di ragazzo a cui fare il pregiudizio - o contro - una lingua particolare. Pitone? Eccezionale. C ++? Tonnellate di divertimento (in un modo "Mi piace farmi male"). Pascal, BASIC, Smalltalk e JavaScript? Tutto delizioso. Mi piacciono tutti ... per la maggior parte.

Quindi, quando dico che Xojo, un IDE RAD (Rapid Application Development) che utilizza una sintassi di BASIC, mi fa venire voglia di sgranocchiare i miei occhi con un cucchiaio noioso ... sai che non è perché non mi piace BASIC. BASIC va bene per me. È lo stesso Xojo che mi fa sentire così ansioso da farmi del male fisico.

Per quelli di voi che non sono a conoscenza, Xojo ha davvero molto da fare. È multipiattaforma, con lo stesso ambiente di sviluppo in esecuzione su Linux, Windows e Mac. L'IDE stesso è gratuito (come nella birra) da usare. Basta distribuire denaro quando si desidera distribuire applicazioni costruite. E ha un framework abbastanza potente dietro, con un carico di funzionalità che rendono relativamente semplice la creazione di applicazioni robuste. Anche la lingua è abbastanza carina. Il linguaggio di Xojo, che è una forma BASIC orientata agli oggetti e notata da punti, ha più cose in comune con Java che BASIC, davvero.

C'è solo un grosso problema: il supporto di Xojo per Linux è terribile. Solo ... davvero terribilmente terribile. Ecco un esempio:

Fare clic su qualsiasi pulsante o menu all'interno dell'ambiente di sviluppo di Xojo (attualmente alla versione “2014r2.1”) richiede - Non ti scherzo - circa tre secondi per rispondere. Nel frattempo, l'intera applicazione è bloccata.

Per avere un'idea di come questo possa spingere un uomo sull'orlo del baratro, immagina di fare clic su qualsiasi menu in questo momento. Qualsiasi menu. Ora chiudi gli occhi e conta fino a tre. Lentamente.

Un Mississippi.

Due Mississippi.

Tre Mississippi.

Ora apri gli occhi. Ta-Da! Ora puoi vedere il tuo menu! Ora fai clic su qualsiasi elemento in quel menu (ad esempio, una voce di menu "Salva con nome ..." o qualcosa del genere). Quindi chiudi gli occhi e conta di nuovo fino a tre.

Ogni pulsante della barra degli strumenti. Ogni elemento in una casella di riepilogo. Qualunque cosa. Questo succede ogni volta che fai qualcosa. L'ho testato su più distro su alcuni hardware piuttosto potenti che possono rendere complessi i video di Blender senza perdere il sudore.

Ho contattato il team Xojo a riguardo e sono stato informato che si tratta di un problema noto. Si scopre che è stato un problema noto per molto tempo. Ma, dicono, è solo un problema con le "nuove" distro Linux. La soluzione suggerita per questo problema è eseguire una versione di Linux di quattro anni.

Non è uno scherzo. I requisiti di sistema di Xojo suggeriscono che qualsiasi versione di Ubuntu "10.04 o successiva" dovrebbe essere supportata. (Lo dico perché in particolare dice "10.04 o successivo" è "Supportato".) Ma ciò che realmente significano è "Ubuntu 10.04 - e NIENTE DI PIÙ DI QUESTO - è supportato".

Tutto ciò significa che esiste un ambiente di sviluppo che potrebbe essere eccezionale su Linux ... tranne che è completamente inutilizzabile. Il team di Xojo afferma che la correzione di questa è una grande priorità per il 2015 (così come l'aggiunta del supporto per 64 bit su Linux; attualmente può solo costruire eseguibili a 32 bit). Ma considerando che questo è un problema di vecchia data ... Mi viene da pensare che il supporto di Linux sia un ripensamento.

E non è come se Xojo non avesse una seria competizione nell'arena "Rapid Application Development" su Linux. LiveCode (che utilizza un linguaggio simile a Hyper-Card) funziona e crea tutto ciò che Xojo fa. Plus Android. E iOS (che Xojo dice arriverà presto). E stanno per aggiungere HTML5 come target. E l'equipaggio di LiveCode ha persino rilasciato una versione Open Source del proprio IDE.

Poi c'è il Lazarus completamente open source (che utilizza Pascal) che costruisce anche applicazioni per Linux, Windows e MacOS X ... con un po 'di supporto per varie piattaforme mobili.

Sia LiveCode che Lazarus sono potenti - in grado di creare software robusto. Entrambi hanno abbracciato l'Open Source (anche se in misura diversa). Ed entrambi rispondono ai clic sui pulsanti in meno di tre secondi.

Dico tutto ciò non semplicemente per arpionare sull'equipaggio Xojo. Ciò che hanno creato ha il potenziale per essere eccellente, ma il supporto scadente di Linux è un grosso punto critico. Fino a quando non risolveranno il problema, nessun'altra funzionalità avrà importanza. Spero davvero che una nuova versione di Xojo vedrà un miglioramento significativo in questo settore e renderà il loro IDE utilizzabile sui moderni desktop Linux.

Fino ad allora potrebbero anche non avere il supporto Linux.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.