Xiaomi acquisisce brevetti da Microsoft prima dei piani di entrata negli Stati Uniti

Microsoft ha accettato di trasferire alcuni brevetti su Xiaomi, in vista dei piani del produttore cinese di smartphone di entrare negli Stati Uniti e in altri mercati avanzati.

L'accordo con Microsoft coinvolge anche Xiaomi che raggruppa Microsoft Office e Skype sui suoi smartphone e tablet Android, secondo una dichiarazione rilasciata da Microsoft martedì.

La società di smartphone ha accettato di acquistare circa 1.500 brevetti da Microsoft, secondo i rapporti di notizie. Xiaomi sta inoltre firmando un accordo di licenza incrociata per alcuni altri brevetti con Microsoft.

"Ampliare la partnership Xiaomi-Microsoft: nuovo accordo per pre-installazione di Office & Skype, licenza IP incrociata e accordo sul trasferimento di brevetti", ha scritto Hugo Barra, vicepresidente della divisione globale di Xiaomi.

Non è stato subito chiaro se Microsoft avesse venduto i brevetti relativi ad Android a Xiaomi.

"Suppongo che Microsoft vorrebbe mantenere i suoi brevetti Android e quindi probabilmente non li venderebbe", ha affermato Bryan Ma, vicepresidente per la ricerca sui dispositivi presso IDC.

"In entrambi i casi, Xiaomi stava cercando di costruire il suo portafoglio di brevetti, in particolare per aiutarlo nei suoi sforzi all'estero, quindi sembra che questo dia loro una bella spinta", ha detto Ma. L'accordo prevede inoltre per Microsoft un numero maggiore di potenziali utenti nel suo ecosistema, che sta diventando sempre più importante per l'azienda rispetto a Windows, ha aggiunto.

Xiaomi non ha commentato immediatamente.

La società ha puntato gli occhi sul mercato degli Stati Uniti per un po 'di tempo, ma a quanto pare si è trattenuta a causa delle preoccupazioni sulle cause di violazione dei brevetti, che sono diventate una parte comune dell'arsenale dei venditori di smartphone per cercare di tenere i rivali fuori dal redditizio mercato degli Stati Uniti , secondo gli analisti. L'ingresso di Xiaomi in India, ad esempio, è stato accolto con una causa per violazione di brevetto da parte di Ericsson.

L'acquisizione dei brevetti Microsoft si adatterà probabilmente alla strategia di Xiaomi di costruire il proprio portafoglio di brevetti con cui combattere.

Il fornitore cinese si è classificato al quinto posto nel mercato globale degli smartphone con una quota del 4,4% nel primo trimestre di quest'anno, secondo la società di ricerca Strategy Analytics. Affronta la pressione di altri venditori cinesi come Oppo e Vivo nel mercato asiatico e dovrà rivolgersi ai mercati nordamericano ed europeo in modo più aggressivo, ha aggiunto la società di ricerca.

In base all'accordo con Microsoft, a partire da settembre, i dispositivi Xiaomi Android, tra cui Mi 5, Mi Max, Mi 4s, Redmi Note 3 e Redmi 3, verranno preinstallati con applicazioni Microsoft Word, Excel, PowerPoint, Outlook e Skype. Le offerte specifiche possono variare in base al dispositivo, al mercato e all'operatore di telefonia mobile. L'accordo si basa sulla partnership delle aziende con Windows 10 su Mi Pad e Microsoft Azure che alimenta il servizio Mi Cloud, ha affermato Microsoft.

Microsoft ha sottoscritto un gran numero di venditori di smartphone Android per il suo programma di licenze di proprietà intellettuale che li protegge dalle cause di infrazione, anche dalla società di software. La società ha firmato oltre 1.200 accordi da quando ha lanciato il suo programma di licenze IP nel dicembre 2003.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.