Il mercato mondiale delle app mobili raggiunge $ 34 miliardi

Ricordi qualche anno fa quando tutti e suo fratello si stavano arrampicando per costruire un'app mobile in una frenetica corsa all'oro per arricchirsi rapidamente? Bene, c'era un sacco di vero oro in quelle colline virtuali, ma come nella maggior parte dei giunchi d'oro, solo poche persone lo hanno reso ricco.

Allo stesso modo, nel tempo i vantaggi agili dei primi cercatori online sono stati superati dalle società giganti che ora possiedono in gran parte il mondo digitale.

Almeno, questa è la mia opinione sul nuovo studio di IDC Worldwide Mobile Applications Forecast, 2016-2020. Secondo la ricerca IDC, "gli utenti di dispositivi mobili hanno installato circa 156 miliardi di applicazioni mobili in tutto il mondo nel 2015, generando $ 34,2 miliardi di entrate dirette (non pubblicitarie)".

IDC prevede che la crescita continuerà, ma più lentamente, raggiungendo i 210 miliardi di download per un valore di quasi $ 57 miliardi entro il 2020. Spinti dalla maturazione del mercato, è probabile che vedremo "la crescita annuale delle installazioni cadere nelle singole cifre nella seconda metà della previsione, "Con un tasso di crescita annuale composto a cinque anni del 6,3 per cento, ha osservato IDC.

Vincitori e vinti

Non pensare nemmeno che tutto quel denaro verrà distribuito uniformemente. Prima di tutto, anche se la quota di installazioni globali di iOS è diminuita dell'8 percento a solo il 15 percento del totale, l'ecosistema di Apple ha rappresentato un incredibile 58 percento delle entrate globali delle app dirette nel 2015, con un enorme 36 percento rispetto al 2014. Questo contro-intuitivo il risultato continuerà, ha detto IDC.

"Si prevede che Apple continuerà a sovraperformare Google Play in termini di generazione di entrate", ha affermato l'organizzazione. "Tuttavia, entrambi gli ecosistemi sono più che sufficientemente stabiliti per attrarre in modo sostenibile gli sviluppatori."

ALTRO SUL MONDO DI RETE: Sono il motivo delle vendite di iPhone in calo di Apple

Ma quali sviluppatori hanno la possibilità di avere un pugile di successo nel mercato delle app mobili di oggi? Le risposte sono complicate, ma i grandi sono nella posizione migliore.

"Le mosse di Facebook per incorporare notizie e altri interessi nella sua esperienza probabilmente attireranno traffico e installeranno volumi lontano da app discrete", ha avvertito John Jackson, vicepresidente IDC Research, Mobile e Connected Platforms, in una nota.

ALTRO SUL MONDO DI RETE: Il killer quarter di Facebook rafforza il dominio del cellulare

Secondo Jackson, tuttavia, il problema più grande è che “la preoccupazione per i volumi di download / installazione e le entrate dirette associate possono perdere la spinta dei cambiamenti nel mercato mobile. Facebook e Google continuano a dominare la spesa pubblicitaria mobile grazie alla portata e alla raffinatezza dei loro effetti di rete ".

E se vendere la tua piccola app carina contro la potenza di Facebook e Google non sembra abbastanza scoraggiante, ci sono più problemi all'orizzonte.

È la vita di un robot

Di recente ho pensato molto all'ascesa dei robot di chat e alla nuova idea che stiamo già entrando nell'economia post-app. Penso che sia un po 'prematuro, e i bot di chat hanno i loro problemi, ma la concorrenza è reale.

"L'emergere di" bot ", che cercano di automatizzare le interazioni in modo contestualmente infuso, sono un altro in una serie di esempi di valore creati sopra il livello del sistema operativo e persino sopra l'app", ha detto Jackson.

Le app non scompariranno presto. Cinquantasette miliardi di dollari sono quasi un cambio di tasca, e molti mercati sarebbero entusiasti di crescere del 6,3 per cento all'anno per cinque anni. Ma sembra sempre più chiaro che i giorni gratuiti in cui chiunque abbia un'idea intelligente e capacità di programmazione decenti potrebbe fare fortuna nel mercato delle app mobili è praticamente finito.

Forse è tempo di iniziare a lavorare su quel fantastico bot di chat a cui stai pensando.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.