ZeroStack offre un cloud in a box privato

Se sei nella mia fascia di età, potresti ricordare questa clip di Yosemite Sam che urla al suo cammello per rallentare. Continuava a urlare "Whoa, Camel", ma il cammello testardo non si fermava fino a quando Yosemite Sam non saltò giù e lo colpì in testa. (Per voi millennial, era normale che i bambini guardassero queste cose.)

Una tendenza simile si sta verificando oggi nell'IT. Il cloud, in particolare il cloud pubblico, è diventato di gran moda. Stiamo trasferendo tutto nel cloud-storage, app, cicli di calcolo, strumenti di comunicazione. Lo chiami, c'è un servizio cloud per questo. Ma ci stiamo muovendo troppo in fretta? I CIO dovrebbero urlare: "Whoa cloud, whoa!" E poi colpire i loro architetti IT in testa con qualcosa?

+ Anche su Network World: Video: cosa non sapevi sul cloud privato +

Alcuni CIO con cui ho parlato lo pensano per una serie di ragioni. Uno dei motivi è ovvio: è molto più semplice proteggere i dati quando si trovano nel data center dell'azienda piuttosto che volare su Internet. Inoltre, esiste un certo livello di controllo e qualità delle prestazioni che può essere mantenuto in un data center privato rispetto all'imprevedibilità dell'uso delle connessioni Internet per connettere sviluppatori e utenti ai servizi cloud.

Ora, non sto dicendo che le aziende non vogliono un'esperienza simile al cloud. Lo fanno, motivo per cui i cloud privati ​​sono aumentati in popolarità. Ma costruire un cloud privato può essere un processo lungo, scoraggiante e costoso. La creazione di un cloud privato richiede il collegamento di switch e server di rete, strumenti di orchestrazione, archiviazione e numerosi altri componenti. Se sei Facebook o Google, fallo; probabilmente hai il talento ingegneristico per farlo. Ma se sei il gestore medio del data center run-of-the-mill cercando di tenere la testa fuori dall'acqua, costruire un cloud privato può essere duro come fermare un cammello di fuga senza il fucile di Yosemite.

Cloud privato semplificato

Una startup relativamente nuova, ZeroStack, sta tentando di rendere la distribuzione di un cloud privato basato su OpenStack semplice come plug and play. Vedo Nutanix e altre aziende più mature che si muovono in questa direzione e promettono presto una nuvola con un solo tocco. ZeroStack, tuttavia, sembra averlo oggi con un'appliance cloud sicura e chiavi in ​​mano che può essere distribuita in un data center privato o in una struttura di colocation. Le aziende possono utilizzarlo per spostarsi da piattaforme di virtualizzazione legacy a un ambiente più moderno e dinamico simile al cloud senza dover assumere un intero esercito di esperti OpenStack o un gruppo di consulenti.

L'appliance Z-Block Cloud è letteralmente un "cloud in a box" e comprende software di elaborazione, archiviazione, rete, gestione e hypervisor. Il dispositivo a 2 RU include quattro nodi server, 64 core CPU, 512 GB di RAM e 22,4 TB di memoria (6.4 SSD / 15 HDD). Il prodotto è stato convalidato e testato, quindi può essere inserito in un data center ed essere pronto per essere utilizzato in modalità self-service attraverso un'interfaccia Web simile all'esperienza del cloud pubblico ma senza rischi di sicurezza e sfide di controllo.

Parte della storia di ZeroStack si basa sulla loro tecnologia software, che funziona come un servizio, offrendo un'architettura autorigenerante e meccanismi di controllo integrati simili a cloud pubblici per gestire il cloud per te. Ciò significa che possono aiutare i clienti a pianificare in modo predittivo la capacità, trovare guasti e auto-guarire quando i processi falliscono. Questa idea di utilizzare l'analisi come parte della piattaforma cloud aiuta a fornire la trasparenza necessaria per ottimizzare i carichi di lavoro e le prestazioni delle applicazioni. 

Sviluppo di applicazioni point-and-click

ZeroStack ha anche lanciato il suo zApp Store, che sarà un repository per applicazioni scaricabili che possono essere installate tramite punta e clicca. Al lancio, saranno disponibili alcune app, tra cui Jenkins, Cassandra, Hadoop, WordPress e Spark. ZeroStack ha dichiarato di essersi impegnato ad aggiungere più applicazioni a zApp Store.  

L'appliance ZeroStack semplifica il passaggio a un cloud privato, ma zApp Store aggiunge valore moltiplicativo introducendo il concetto di distribuzione delle applicazioni point-and-click. Per le aziende che desiderano un'esperienza cloud ma che preferiscono portare l'esperienza in casa, ZeroStack offre un modo solido e chiavi in ​​mano per farlo.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.