Amazon Web Services avrebbe mai creato un cloud privato on-premise?

Come alcuni dei suoi principali concorrenti, Amazon Web offrirebbe mai un software di gestione del cloud privato locale?

Ariel Kelman, vicepresidente marketing di AWS, non lo escluderebbe, "non ha mai detto mai", ha detto - ma ha aggiunto che i dirigenti della società hanno discusso di farlo, ma al momento non si adatta al modello di business di AWS.

+ ALTRO DAL MONDO DI RETE: Resa dei conti cloud Gartner: Amazon Web Services vs Microsoft Azure +

AWS è un'azienda di servizi che opera su vasta scala. La società dispone di una piattaforma IaaS pubblica leader del mercato con una pletora di servizi Web che aggiorna e aggiunge continuamente. Il modello di un cloud in rapida evoluzione e in costante aggiornamento non funziona molto bene in un modello di cloud privato locale, ha affermato Kelman.

Né l'economia funziona bene per i cloud privati, sostengono i dirigenti di AWS. Il vicepresidente senior di AWS Andy Jassy ha predicato per anni sui vantaggi del cloud pubblico; richiede zero costi iniziali per iniziare a utilizzare ed è fatturato in un modello pay-as-you-go. I cloud privati ​​e locali in genere richiedono ancora investimenti iniziali e non si ridurranno al livello enorme che il cloud pubblico di AWS è in grado di.

La vendita di cloud presso la sede del cliente è un modello di business molto diverso rispetto a quello che fa AWS ora. E la società non ha intenzione di entrarci. "Ci sono molti buoni strumenti" sul mercato per ospitare cloud privati, ha dichiarato Kelman durante un'intervista individuale alla conferenza re: Invent all'inizio di questo mese.

L'obiettivo di AWS è lavorare con i fornitori di cloud privati ​​per garantire la compatibilità tra quegli strumenti software di cloud privato e il cloud pubblico di AWS, ha affermato Kelman. AWS sta adottando misure per abilitare il cloud computing ibrido a modo suo (leggi qui tali sforzi). La maggior parte di questi sforzi ruota attorno offrendo ai clienti un "cloud privato virtuale" che utilizza la tecnologia di virtualizzazione per separare i carichi di lavoro dei clienti. I clienti possono pagare un premio per utilizzare l'infrastruttura dedicata riservata ai singoli clienti, ma entrambe queste opzioni sono ancora ospitate nel cloud pubblico di AWS.

È una strategia molto diversa rispetto a ciò che Microsoft, VMware e persino aziende come HP stanno prendendo nel cloud. Tutti quei fornitori offrono cloud ibridi che combinano strumenti locali con un cloud pubblico gestito dallo stesso software. Microsoft ha recentemente rilasciato un'appliance locale che si connette al suo cloud pubblico, ad esempio.

Mark Bowker, ricercatore di Enterprise Strategy Group, afferma che AWS ha fatto sempre di più per rendere più facile per le organizzazioni estendere gli ambienti IT esistenti nel proprio cloud pubblico. AWS ha recentemente rilasciato un servizio di directory basato su cloud compatibile con Active Directory e offre plug-in per gli strumenti di gestione di VMware, consentendo ai clienti di avviare VM nel cloud di AWS dal software VMware. "Hanno leggermente spuntato la casella", fornendo funzionalità ibride, dice Bowker.

Ma molti clienti con cui ha parlato non hanno chiesto a gran voce un cloud privato locale da AWS. AWS è considerato il cloud pubblico best-in-class per nuovi carichi di lavoro, test, sviluppo, backup e ripristino. Un unico portale di gestione che consente la migrazione senza soluzione di continuità dei carichi di lavoro tra ambienti pubblici e locali, ma è molto più facile a dirsi che a farsi.

AWS sta giocando a lungo termine qui. Jassy afferma che "nella pienezza dei tempi" la società ritiene che la maggior parte delle applicazioni aziendali saranno in esecuzione nel cloud pubblico. Invece di offrire ai clienti un cloud privato e locale, l'azienda sembra intenzionata a fare tutto il possibile per ospitare quanti più carichi di lavoro possibile nel suo cloud pubblico.

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.