Yahoo corteggia gli sviluppatori alla sua prima conferenza mobile

Gli utenti di dispositivi mobili sono diventati una parte vitale dello sforzo di recupero di Yahoo e giovedì hanno cercato di convincere gli sviluppatori con nuovi strumenti per aiutarli a costruire app migliori utilizzando i suoi servizi.

La società ha tenuto la sua prima conferenza degli sviluppatori mobili a San Francisco giovedì, dove ha svelato strumenti che aiutano gli sviluppatori a raccogliere dati sulle loro app e trarne profitti usando i servizi pubblicitari di Yahoo.

Molti degli strumenti vengono forniti da Flurry, una società di analisi mobile e pubblicità che Yahoo ha acquisito l'anno scorso. Flurry ora ha più di 200.000 sviluppatori che usano i suoi strumenti, ha detto giovedì l'amministratore delegato di Yahoo Marissa Mayer. Yahoo spera di coinvolgere ancora più sviluppatori offrendo loro nuovi modi per vedere come stanno andando le loro app e inserendo le opzioni pubblicitarie di Yahoo direttamente in Flurry.

Gli sviluppatori che utilizzano Flurry ora possono utilizzare il servizio per incorporare la ricerca di Yahoo nelle loro app, ad esempio. E un nuovo strumento chiamato Flurry Explore rende più facile per gli sviluppatori tenere traccia di come gli utenti si muovono attraverso le loro app e modificarli per aumentare il coinvolgimento.

Più di 1.000 persone hanno partecipato alla conferenza di un giorno, molti dei quali sviluppatori di software piccoli o indipendenti. Diversi hanno espresso interesse per i nuovi strumenti, ma hanno affermato di aver bisogno di tempo per valutare quanto fossero utili.

"Se sono facili da usare come dice Yahoo, molte più persone potrebbero usare Flurry", ha affermato Ashley Fernandes, che lavora su prototipi di app in Intuit.

Utilizzando Flurry, gli sviluppatori di Tempo AI, un'app di calendario intelligente, sono stati in grado di vedere un forte aumento del coinvolgimento dopo aver cambiato il modo in cui la loro app presenta gli avvisi. Questi dati hanno contribuito a confermare che la modifica è stata una buona mossa, ha affermato il cofondatore Thierry Donneau-Golencer.

Gli strumenti di analisi di Flurry sono gratuiti, ma gli sviluppatori devono pagare se vogliono pubblicizzare le loro app nei prodotti mobili di Yahoo. Gli sviluppatori possono anche avere annunci inseriti da Yahoo all'interno delle proprie app.

L'obiettivo è una partnership reciprocamente vantaggiosa: gli sviluppatori ottengono strumenti da Yahoo per attirare più utenti e fare soldi, e Yahoo arriva a vendere più annunci e forse raccogliere dati sugli utenti mobili lungo la strada.

Mayer ha trascorso quasi due anni a ricostruire i prodotti mobili di Yahoo, che sono una pietra miliare dei suoi sforzi per rendere Yahoo nuovamente leader nella Silicon Valley.

"Stiamo continuando a investire per rendere grandi le nostre app, ma vogliamo prendere ciò che abbiamo appreso, compresa la monetizzazione, e renderlo più ampiamente disponibile", ha detto Mayer durante un colloquio con la stampa.

Altri sviluppatori dello show hanno affermato di apprezzare la possibilità, all'interno di Flurry, di pubblicizzare le proprie app all'interno di app Yahoo come Tumblr e Yahoo News Digest. Gli annunci, noti come "annunci nativi", hanno lo scopo di imitare il contenuto che li circonda.

L'evento potrebbe sensibilizzare gli strumenti offerti da Yahoo, afferma Philipp Kuecuekyan, uno sviluppatore di app indipendente.

Ma Yahoo ha bisogno di più della consapevolezza se vuole essere "la compagnia più socievole della Silicon Valley", come ha affermato Mayer giovedì. La società deve affrontare una forte concorrenza per gli sviluppatori mobili di Facebook, Google e Twitter, che forniscono anche strumenti per la creazione e la monetizzazione di app.

"Hanno tagliato il loro lavoro per loro", ha dichiarato Nikhil Modi, CEO di Whiz Technologies, che inserisce annunci pubblicitari nelle app degli editori. Ha indicato AdMob di Google come un potente concorrente di Flurry.

Ma, ha detto, "è positivo che Google abbia concorrenza".

Unisciti alle community di Network World su Facebook e LinkedIn per commentare argomenti che sono importanti.